+39 375 5411266

COME SI PRENDONO I PIDOCCHI

mettiamo il cuore nel nostro lavoro

Sono molteplici i motivi che portano a prendere i pidocchi, quelli di maggiore importanza sono il clima, l’ambiente, la predisposizione e i rapporti sociali. 

La principale causa è il contatto fra soggetti di età compresa fra i 4 e i 14 anni, ma si può tranquillamente manifestare anche su persone di altre età anche se in percentuale molto minore.

I Bambini di età inferiore sono la percentuale più a rischio in quanto passano molto tempo a contatto fra loro. Non a caso gli asili nido mandano a casa il bambino ai primi segnali di pediculosi attiva, mentre le scuole primarie si limitano a una comunicazione avviso sul diario controfirmata dal genitore. Non si verifica spesso ma il contagio può avvenire anche solo con breve contatto tra persone che hanno in essere una pediculosi in fase attiva.Più alto è il rischio fra persone che hanno caratteristiche congeniali come una determinata tipologia di capello, condizione che crea un habitat ideale per il pidocchio che lo spinge a depositare le uova molto più facilmente.

Le categorie predilette dai pidocchi sono soprattutto la chioma bionda castano chiaro e i capelli molto sottili. Recenti analisi hanno dato risultati molto scoraggianti per quanto riguarda i capelli scuri e grossi di spessore. Perché si verifichi contagio deve esserci il ripetuto contatto fra teste infette e teste pulite, questa azione quasi sicuramente darà via libera al passaggio del pidocchio. Il nuovo millennio e le tecnologie hanno favorito ancora di più l’infestazione, basti pensare l’uso dei famigerati “Selfie” e il contatto duraturo e frequente che i giovani hanno tra loro quando si fanno un auto scatto. Lo scambio di pettini sciarpe cappelli e altri indumenti sono buoni conduttori a volte possono essere passate anche le uova. Fin dall’alba dei tempi la Pediculosi è sempre stata un motivo di allarme social popolare, non solamente per il disagio ma anche per l’idea che dei piccoli ospiti indesiderati girino per la testa.

Ma da dove vengono i pidocchi?

il più antico uovo di pidocchio è stato scoperto in Brasile circa 10.000 anni fa, invece nelle nostre vicinanze è stato rinvenuto nel Mar Morto in Israele e risale a 9.000 anni fa. Il pidocchio non ha subito nel corso dei secoli variazioni alla sua specie. Il cuoio capelluto per questo insetto è una terreno ideale con il passare del tempo e con l’aumento delle persone della specie umana il pidocchio ha trovato un modo per moltiplicarsi in parallelo alla crescita demografica. I pidocchi sono eterni perchè hanno una grande capacità di riprodursi e di riadattarsi al nuovo ospite quando vengono catapultati da una testa all’altra senza avere problemi di adattamento. Solitamente la Pediculosi del capo è una infestazione ( non è una malattia ) proprio per questo non viene curata dal servizio sanitario italiano e demandata a medici di base che consigliano il classico “farmaco da banco” che è efficace fino a un certo limite in quanto il Pidocchio ha sviluppato nel tempo una particolare immunità alla Permetrina ovvero l’elemento presente in quasi tutti gli antiparassitari in commercio.

La Pediculosi del capo non si manifesta solitamente nei mesi invernali, infatti è inusuale il verificarsi di epidemie con climi autunnali ed invernali. Solitamente l’infestazione da contatto avviene nei mesi caldi arrivando fino ai mesi di Settembre / Ottobre , poi con l’apertura delle scuole il passaggio aumenta causato da ovvie ragioni con il protrarsi continuato di sfregamenti del capo fra compagni di classe, creando quindi un perfetto sposalizio fra caldo e socializzazione popolare.

Pensiamo nostra figlia di 10 anni possa averli presi al campo scuola quest’estate. I bimbi hanno dormito assieme più di una settimana. L’abbiamo portata al centro di cura, analizzando le lendini hanno dato una data ipotetica di quando poteva essere avvenuto il passaggio di pidocchi confrontandoci le date coincidevano.

Lucia B.

Contagio avvenuto in vacanza al mare. Quando siamo tornati a casa non avevamo notato nessun segnale, ma dopo 10 giorni il bambino ha iniziato a lamentare forte prurito al capo. Avvisato genitori è venuto fuori che una gran parte dei loro figli erano stati infestati.

Claudia V.

TROVA IL CENTRO DI CURA PIU’ VICINO

mettiamo il cuore nel nostro lavoro

OPPURE

” controllo gratuito ” 

ALTRI ARTICOLI SULLA PEDICULOSI

Prevenzione pidocchi

PREVENZIONE PIDOCCHI “Prevenire meglio che curare” cosi recita il famoso e storico detto, questo vale anche per la pediculosi. La pediculosi del capo avviene in 3 fasi: Contagio - Deposito Uova - Infestazione. Quindi la prima cosa da fare per il prevenire il contagio...

leggi tutto
Come eliminare i pidocchi

COME ELIMINARE I PIDOCCHI Sebbene nel tempo siano stati eseguiti molteplici studi sui pidocchi e sul come eliminarli definitivamente. Ancora ad oggi non vi sono prodotti efficaci e certificati per debellare definitivamente la pediculosi del capo, lo stesso vale per la...

leggi tutto
Pidocchi capelli

PIDOCCHI CAPELLI Quando vi è la presenza di pidocchi nei capelli. Abbiamo lo spiacevole e prolungato pizzicore in testa, la sensazione di non essere puliti, la paura di essere scoperti ed il più delle volte derisi, questi sono gli sgradevoli disagi per lo più sociali...

leggi tutto
Immagini lendini

IMMAGINI LENDINI Di seguito vi sono varie immagini di lendini e foto di pidocchi nel capello umano. La schiusa avviene dopo circa una o due settimane dalla deposizione della femmina del pidocchio, dalle immagini delle lendini si può notare la tecnica di schiusa delle...

leggi tutto
Uova Pidocchi

UOVA DEI PIDOCCHI NEI CAPELLI Le uova di pidocchio o meglio definite come "lendini"sono create e depositate dai pidocchi, quando vengono avvistate sono il primo allarme di una parassitosi attiva. Difficilmente si riesce a vedere un parassita a occhio nudo se non ad...

leggi tutto